Iscrizioni al BMW Motorrad Club Verona

BMW Motorrad International GS Trophy 2020 Oceania - Giorno 3 - Verso sud, attraversando il Rimutakas

BMW Motorrad International GS Trophy 2020 Oceania - Giorno 3 - Verso sud, attraversando il Rimutakas

News

 Oggi c'è stata una spinta concertata verso sud mentre il BMW Motorrad International GS Trophy del 2020 sembrava terminare la giornata a breve distanza dallo stretto di Cook, pronto per un salto sull'Isola del Sud domani.
Solo prima c'erano quasi 350 km di sentiero misto e autostrada, attraverso le colline senza fine del Wairarapa, tuffandosi nei boschi nativi, attraversando pianure pastorali e poi un ritorno alla spettacolare costa orientale prima di attraversare infine la catena montuosa di Rimutaka per accamparsi nella boscaglia ai margini di Wellington, la capitale della Nuova Zelanda. 

I piloti della GS hanno di nuovo risposto a una prima colazione all'alba alle 5:30, trovando di nuovo meraviglia nell'incredibile alba sull'Oceano Pacifico, questa volta visto sulla scogliera di Castlepoint.
A meno di un chilometro dall'inizio si sono fermati per la prima sfida della giornata, Beach Drift.
Qui un cavaliere di ogni squadra ha cavalcato contro il tempo su una sezione di sabbia profonda, quindi ha attraversato avanti e indietro attraverso le sabbie più piatte prima di effettuare una sosta di precisione in una scatola definita.
La sabbia profonda reclamò molte vittime, che si ribaltavano o affondavano in profondità, incluso il Team finora sudato infallibile della Corea del Sud.
I piloti della GS hanno di nuovo risposto a una prima colazione all'alba alle 5:30, trovando di nuovo meraviglia nell'incredibile alba sull'Oceano Pacifico, questa volta visto sulla scogliera di Castlepoint. A meno di un chilometro dall'inizio si sono fermati per la prima sfida della giornata, Beach Drift. Qui un cavaliere di ogni squadra ha cavalcato contro il tempo su una sezione di sabbia profonda, quindi ha attraversato avanti e indietro attraverso le sabbie più piatte prima di effettuare una sosta di precisione in una scatola definita. La sabbia profonda reclamò molte vittime, che si ribaltavano o affondavano in profondità, incluso il Team finora sudato infallibile della Corea del Sud. Da qui i cavalieri si sono divertiti a cavalcare il sentiero di un branco di agricoltori su spettacolari scogliere fino a Waimimi - solo un altro piccolo nome sulla mappa che segna la posizione di una manciata di fattorie agricole. Qui i cavalieri si sono diretti verso l'interno verso Masterton, la città mercato di Wairarapa. Un mix di strade scorrevoli e tortuose piste di ghiaia, in gran parte attraverso sezioni di foresta nativa, ha portato i cavalieri verso est e mentre attraversavano il punto più alto di 536 m a Pariwhariki potevano vedere in lontananza l'imponente, meditabonda Tararau Range che divide la metà meridionale di l'Isola del Nord, con picchi che raggiungono i 1300 metri.
Dopo un rifornimento di carburante e una pausa caffè nella pittoresca cittadina storica di Martinborough, i ciclisti si sono quindi diretti di nuovo verso est - non a sud! - Sulle piste di ghiaia che portano all'iconico White Rock a Pahaoa. La spiaggia qui è di sabbia nera che contrasta nettamente con la solitaria roccia bianca che in qualche modo si mantiene stabile nell'immenso surf in tempesta - questo non è un posto per nuotare! Qui i piloti della GS sono stati intrattenuti dalla Leatt Neck Brace Challenge, scagliando i loro guanti su per la spiaggia tra le parentesi graffe del collo in qualcosa di simile alla pratica del bersaglio! L'ultima tappa del viaggio di oggi ha visto i piloti della GS piombare sui Rimutakas sulla famosa Rimutaka Hill Road, uno dei luoghi preferiti dai ciclisti di Wellington per il weekend. Le curve sono divertenti, ma entrambi i lati della strada (che raggiungono il picco a 725 m) sono un vasto cespuglio nativo denso di manuka, faggio, cavoli, ebe e felci. La Nuova Zelanda quasi com'era quando arrivò il Capitano Cook. Solo l'azione non è finita qui poiché le squadre hanno dovuto eleggere di nuovo un cavaliere per affrontare l'ultima sfida della giornata: la prova, una pista di tessitura che conduceva attraverso gli alberi e attraverso un ruscello sul bordo del cespuglio che confina con il campeggio per stasera. Naturalmente questo è stato impostato contro il tempo, con deduzioni di tempo per footing e bancarelle. Mentre era in genere un fine tardivo alla giornata di guida, è stato un ritorno anticipato per il sonno, poiché domani il GS Trophy fa un inizio molto prima dell'alba per il traghetto tra le isole per l'Isola del Sud.


Commenti: 

Andrea Padovani, Team Italy: "È stato uno spirito molto duro e bello guidare il GS Trophy, ci impegniamo ogni giorno per raggiungere i nostri obiettivi. A volte è difficile, a volte facile, ma andiamo avanti e vediamo cosa porta ogni giorno. I giorni sono difficili perché pedaliamo per molte ore, ma ci stiamo godendo perché il paesaggio è bellissimo: la Nuova Zelanda è qualcosa di straordinario, diverso da tutto ciò che sappiamo. Abbiamo apprezzato le comunicazioni di Sena; cavalcando con gli australiani oggi parlano così tanto! Ma ieri abbiamo guidato con la prima squadra femminile e hanno detto che parliamo molto. La Sena è una sfida per noi, tuttavia, per essere italiani parliamo non solo con la nostra voce, ma con le nostre mani e i nostri volti! ”

Brandon Grimsted, Team South Africa: "L'evento è stato elettrizzante, molta eccitazione, quindi abbiamo provato molti nervi. Abbiamo ricevuto molti feedback di supporto dai nostri fan e amici a casa e al quarto posto siamo in una buona posizione nella competizione, quindi ci lasceremo alle spalle questi giorni e continueremo. Oggi abbiamo avuto un inizio traballante - BJ (Vosloo) è stato forse troppo aggressivo nel primo test, ma Cobus (Theron) ama la sua guida tecnica e quindi ci ha segnato un giro pulito nella prova. Una buona giornata. Ma la Nuova Zelanda - mi lascia senza parole, è un paese incredibile! " 

Cleuci Ronzella, Team Brasile: “Questo è un evento! I panorami sono fantastici, il percorso è fantastico - ma dobbiamo riposare, negli ultimi tre giorni ci sono state tante passeggiate. Tuttavia, semplicemente non abbiamo le parole per spiegare come ci sentiamo, questa è un'esperienza incredibile. Speriamo di andare meglio nei prossimi giorni, troveremo la nostra forza. ”


     

BMW Motorrad International GS Trophy 2020 Oceania.

Classifica generale giorno 3:

1 South Korea 157 points1 South Korea 157 punti
2 South Africa 146  
3 Netherlands 145  
4 France 142
5 Italy 133  
6 USA 124
7 Australia 122
8 Russia 114  
9 Latin America 111  
10 Brazil 109  
11 Mexico 105  
12 Argentina 101
13 Middle East 93  
14 UK 79
15 India 78
16 Nordic 77
17 Malaysia 67
18 Japan 62
19 North Africa 62
20 Thailand 62
21 Int. Female Team I 43
22 Int. Female Team II 30

 

 
Per maggiori informazioni sull'International GS Trophy vai su:
https://www.bmw-motorrad.it/it/experience/stories/adventure/gs-trophy-2020.html

 


 

Galleria immagini

 

 

Video

 


Motoves

 

Per avere maggiori dettagli sulla gamma Moto, abbigliamento ed accessori BMW Motorrad vi invitiamo a contattare la Concessionaria BMW Motorrad per Verona Motoves Snc telefonicamente allo 045/527092 o attraverso il loro sito Web: http://www.motoves.bmw.it oppure visitando lo  Store Motoves on-line all'indirizzo: http://www.motoves.it .

 


 

 

Materiale tradotto dall'inglese a cura del webmaster e tratto dal sito BMW Group PressClub Network - 2020 © BMW AG - Monaco di Baviera



 

Condividi
Questa pagina è stata visitata: 277 volte

Commenti chiusi o non permessi !

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor.

Una sbarra da aprire

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor.

BMW Motorrad Rider’s Equipment

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor.

BMW Motorrad - 3 Anni Oilinclusive