Le BMW di ieri

La R 100 RS

La R 100 RS

Il futuro su Due Route

Sin dagli anni Trenta BMW è fra i pionieri dell’aerodinamica.
Grazie al successo di un know-how in continua evoluzione, negli anni Settanta si procede sul filo sottile teso tra una guida spensierata e l’ottimizzazione aerodinamica della stabilità su strada:
la BMW R 100 RS è la prima moto al mondo ad essere equipaggiata di serie con una carenatura integrale, il cosiddetto cockpit integrale.

 


Il futuro su due ruote: 
Con questo slogan futurista, BMW pubblicizzava nelle pagine di Motociclismo la R100RS : la "nuova ammiraglia della poderosa flotta BMW". Correva l'anno 1976 e per vedere in giro una moto carenata, bisognava andare in pista.
Grande fu quindi il clamore sollevato all'esordio e di motivi ce n'erano tanti, due fra tutti: era la prima BMW di 1000cc, ma era soprattutto la prima maxi-moto dotata "di serie" di una carenatura sperimentata nella galleria del vento Pininfarina, che offriva al contempo protezione e stabilità. Galleria del ventoCockpit
Le mutate esigenze motociclistiche e la migliore qualità della rete stradale e autostradale, richiedevano moto sempre più veloci e "protettive", aggettivi questi che mal si coniugavano con le tradizionali moto "nude": la R100RS era al contempo "veloce" e "protettiva".
Direttamente derivata dalla R90S, alla R100RS era stata incrementata la cilindrata per aumentare l'elasticità del motore ai bassi regimi, così da migliorare al massimo il confort di guida: si pensi che in quinta marcia era possibile riprendere senza strappi già da 2.000 giri.
La sua linea, dominata dalla carenatura, faceva sì che all'interno del cupolino non esistessero turbolenze, le spinte sugli alettoni anteriori centravano aerodinamicamente la moto nella sua traiettoria, garantendo così un'ottima stabilità sul dritto.
In sella, superato un primo momento in cui si aveva la sensazione di "salire su un armadio", risultava un mezzo ben equilibrato, pronto, scattante e con un'ottima tenuta di strada.
L'unico "problema" l'R100RS lo manifestava in frenata, che risultava quantomeno debole, r100rsspecialmente al posteriore, ma tale pecca era incredibilmente diventata per i possessori quasi un "vanto": l'R100RS, "noblesse oblige", non frena ma rallenta…!
"Impegnativa" ma "divertente" la guida nel misto stretto e nei tornanti, da affrontare con decisione, se non si voleva "andar dritti…"
Anche il consumo era da "ammiraglia", soprattutto se confrontato con le maximoto concorrenti: con una guida attenta si riuscivano a percorrere 14 km con un litro di benzina, ma non era difficile "fermarsi" sui 10 km/lt…!
Tuttavia la buona autonomia - per una stradista che si rispetti - era comunque garantita dal grande serbatoio di 24 litri.
Tali caratteristiche le consentivano lunghe percorrenze a medie elevate, in un confort senza precedenti.DepliantTecnicamente curatissima, la R100RS richiedeva interventi di manutenzione molto limitati: ma la qualità aveva un prezzo, che in questo caso si attestava anch'esso ai vertici: annunciata a 4.200.000 lire, dopo solo qualche mese costava già mezzo milione in più..!
Le intenzioni di costruire un mezzo utilizzabile 12 mesi l'anno erano state pienamente rispettate, con la R 100 RS si apriva una nuova era per le GT.
La R100RS è stata prodotta dal 1976 al 1992 in 39.288 esemplari.
Oggi le R100RS si affacciano prepotentemente sul mercato delle moto di "interesse storico": una "prima serie" (ruote a raggi e freno posteriore a tamburo) se in buono stato può valere anche oltre 6.000 euro, poco meno la versione con i cerchi in lega.

I numeri di telaio per ogni serie di produzione

Telaio numero

Modello

Anno

Inizio produzione

Codice

6080001 - 6085159
6180001 - 6181263

R 100 RS 1977 09/76- 08/77 0316
0306
6086001 - 6092865
6182001 - 6183592
R 100 RS 1978 09/77 - 08/78 0335
0325
6185001 - 6186000 R 100 RS 1979 09/78 - 08/80 0395
0377
6225001 - 6225511 R 100 RS 1981 09/80 - 06/81 0437
0427
6225512 - 6226174 R 100 RS 1982 09/81 - 04/82
6226175 - 6226786 R 100 RS 1983 08/82 - 11/83
6226787 - 6229000 R 100 RS 1984 08/83 - 06/84
6247001 - 6247548 R 100 RS 1988 09/87 - 04/88
6247549 - 6247598 R 100 RS 1989 09/88 - 12/93
6247598 - 6247690 R 100 RS 1992
6247691 - 6247750 R 100 RS 1993

La tecnica
R 100 RS    SCHEDA DATI TECNICI
Inizio produzione 1976
Fine Produzione 1984
Tipo Motore

Quattro tempi, due-cilindri, contrapposti orizzontali Boxer raffreddato ad aria

Alesaggio 94 mm
Corsa 70,6 mm
Cilindrata 980 cc
Potenza massima 70 Cv (51 KW)
Regime massimo 7250 giri/min
Coppia massima 76 Nm
Regime (Coppia massima) 5500 giri/min
Rapporto di compressione 9.5:1
Valvole per Cilindro 2
Distribuzione Albero a camme singolo con aste e bilanceri
Alimentazione 2 carburatori a depressione, Bing 94/40/105-106
Lubrificazione Pompa meccanica
Frizione A secco monodisco, con molla a diaframma
Numero rapporti 5
Selezione rapporti A pedale
Rapporti del cambio 4.4/2.86/2.07/1.67/1.50:1 (versione sport 3.38/2.43/1.93/1.67/1.50)
Rapporto finale 1:3.00 o 1:2.91
Rapporto differenziale 11/33 denti oppure 11/32 denti
Accensione A contatti, dal 1980: accensione elettronica (Bosch)
Alternatore Bosch 12 V/240 W
Motorino d'avviamento Bosch 0.6 cv (dal1978: 0.7 kW)
Candele Bosch W 225 T 30/Beru 230/14/3 A/Champion N 6 Y
Telaio Doppia culla in tubi con parte posteriore imbullonata
Sospensione anteriore Forcella telescopica idraulica
Sospensione posteriore Forcellone oscillante con ammortizzatori regolabili
Escursione ant./post. 200 / 125 mm
Cerchio anteriore 1.85 B 19
Cerchio posteriore 2.50 B 18
Pneumatico anteriore 3.25 H 19
Pneumatico posteriore 4.00 H 18
Freni anteriori Idraulico con doppio disco 260 mm diametro
Freno posteriore

Tamburo singolo 200 mm diametro [dal 1978: disco singolo 260 mm diametro]

Lunghezza 2130 mm (dal 1978: 2210 mm)
Larghezza 746 mm
Altezza 1300 mm
Altezza alla sella 820 mm
Luce a terra 165 mm
Capacità serbatoio 24 l
Peso con serbatoio pieno 230 Kg
Peso massimo ammesso 398 kg
Consumo carburante 5,75 l/100 km (a 90 km/h costanti)
Accelerazione 0-100 km/h 4,6 sec
Velocità massima 200 km/h
Esemplari prodotti 33.648

R 100 RS Monolever   Scheda Dati Tecnici
Inizio produzione 1986
Fine Produzione 1992
Tipo Motore

Quattro tempi, due-cilindri, contrapposti orizzontali Boxer raffreddato ad aria

Alesaggio 94 mm
Corsa 70,6 mm
Cilindrata 980 cc
Potenza massima 60 Cv (44 KW)
Regime massimo 6500 giri/min
Coppia massima 74 Nm
Regime (Coppia massima) 3500 giri/min
Rapporto di compressione 8.45:1
Valvole per Cilindro 2
Distribuzione Albero a camme singolo con aste e bilanceri
Alimentazione 2 carburatori a depressione, Bing V 64/32/363 64/32/634
Lubrificazione Pompa meccanica
Frizione A secco monodisco, con molla a diaframma
Numero rapporti 5
Selezione rapporti A pedale
Rapporti del cambio 4.4/2.86/2.07/1.67/1.50:1
Rapporto finale 1:3.00
Rapporto differenziale 11/33 denti
Accensione Accensione elettronica (Bosch)
Alternatore Bosch 12 V/280 W
Motorino d'avviamento Bosch 0.7 kW
Candele Bosch W 7DC / Beru 14-7 DU
Telaio Doppia culla in tubi con parte posteriore imbullonata
Sospensione anteriore Forcella telescopica idraulica
Sospensione posteriore Forcellone monolever con ammortizzatore regolabile
Escursione ant./post. 175 / 121 mm
Cerchio anteriore MTH 2.50 x 18 E
Cerchio posteriore MTH 2.50 x 18 E
Pneumatico anteriore 90/90 18 51 H
Pneumatico posteriore 120/90 18 65 H
Freni anteriori Idraulico con doppio disco 285 mm diametro
Freno posteriore Tamburo singolo 200 mm diametro
Lunghezza 2175 mm
Larghezza 800 mm
Altezza 1380 mm
Altezza alla sella 807 mm
Luce a terra 140 mm
Capacità serbatoio 22 l
Peso con serbatoio pieno 229 Kg
Peso massimo ammesso 440 kg
Consumo carburante 4,3 l/100 km (a 90 km/h costanti)
Accelerazione 0-100 km/h 5 sec
Velocità massima 185 km/h
Esemplari prodotti 6.081




I modelli della Serie R 100 RS

1976-1984 - R 100 RS1976-1984 - R 100 RS la prima moto dotata di carenatura integrale, prodotta in serie al mondo, nella prima serie con il freno posteriore a tamburo e le ruote a raggi, dal 1978 freno posteriore a disco e ruote in lega leggera.
Il motore è il classico due cilindri boxer raffreddato ad aria di 980cc, 70 CV a 7250 giri/min., peso 210 Kg. , velocità massima 200 km/h.
Prezzo nel 1982 in Germania 11.909 DM.
Esemplari prodotti 33.648.


1985-1992 - R 100 RS Monolever1985-1992 - R 100 RS Monolever Il modello deriva dalla R80RS ed è dotato di sospensione posteriore Monolever e di telaio è derivato dalla famiglia R80.
Il motore è il classico due cilindri boxer adeguato alle nuove normative anti inquinamento, è sempre raffreddato ad aria e con cilindrata di 980cc, però depotenziato a 60 CV a 6500 giri/min., peso 229 Kg. , velocità massima 185 km/h.
Prezzo nel 1992 in Germania 15.700 DM.
Esemplari prodotti 6.081.


Alcune immagini della R 100 RS

Ringrazio per la colaborazione alla stesura di questo articolo, l'amico Pierangelo Gatto, grande appassionato e possessore di una R 100 RS, che ancora oggi utilizza regolarmente per i propri viaggi.
Per chi volesse approfondire la conoscenza delle motociclette BMW Boxer del periodo compreso tra il  1970 ed il 1996 ad esclusione delle Moto BMW R45, BMW R65, e delle serie G/S e GS, consiglio la lettura della pubblicazione in lingua Inglese: The BMW Boxer Twins 1970-1996 Bible - All air-cooled models 1970-1996 (Except R45, R65, G/S & GS) di Ian Falloon.
Alcuni dati sono tratti dal sito http://www.bmw-motorrad.com/com/en/index.html che vi consiglio di visitare per approfondire l'argomento.

Articolo redatto dal Webmaster del sito, Nicola Coppi, appassionato di Moto BMW e Commissario specialista delle motociclette BMW Serie K in seno alla Commissione Tecnica Moto dell'ASI (Automotoclub Storico Italiano).

Altri articoli simili

Condividi
Ultima modifica: Lunedì, 05 Settembre 2016
Questa pagina è stata visitata: 32421 volte

Commenti chiusi o non permessi !

Altri Articoli

BMW Motorrad presenta la nuova BMW K 1600 Grand America

Novità 2018 BMW Motorrad amplia la sua gamma nel segmento delle moto gran turismo con l’introduzione di un modello disegnato specificatamente per

In sella alla BMW S 1000 RR Markus Reiterberger ha dominato la gara de

News BMW Lo scorso weekend, il circuito andaluso di Jerez de la Frontera è stato teatro di molte gare ed al centro dell’azione. Sul tracciato che

Tre podi per il Team Tyco BMW a completare la stagione Campionato Brit

News BMW La stagione 2017 del Campionato Britannico Superbike (BSB) ha finito con un altro weekend di successo per i piloti BMW. Il turno finale

BMW Motorrad presenta la R 1200 RS ConnectedRide

Sistemi di sicurezza per la moto del futuro in mostra alla Conferenza CMC 2017.Ormai da decenni BMW Motorrad è considerata pioniera in tema di sicurez

FMI - È in arrivo la "Tessera Digitale"

FMI 2018 Già pensata nello scorso anno, è stata rilasciata da qualche mese in versione di Test con alcuni Moto Club la “Tessera Digitale” FMI: la

Sébastien Le Grelle e Florian Brunet vittoriosi in due campionati con

News BMW I titoli raccolti continuano: nel fine settimana Sébastien Le Grelle (BEL) e Florian Brunet-Lugardon (FRA) hanno ottenuto il titolo nume